domenica 26 maggio 2013

Fabiana.... Ennesimo caso assurdo di violenza e morte... Non è amore, non sono fidanzati, non è gelosia....

Apro le pagine web dei principali giornali italiani...

Corriere
http://www.corriere.it/cronache/foto/05-2013/corigliano/omicidio/corigliano-sedicenne-uccisa-fidanzatino_2699857c-c5df-11e2-91df-63d1aefa93a2.shtml#3

http://www.corriere.it/cronache/13_maggio_26/sedicenne-bruciata-corigliano-macri_94f316f2-c5ec-11e2-91df-63d1aefa93a2.shtml 

Repubblica
http://www.repubblica.it/cronaca/2013/05/26/news/ho_agito_per_un_raptus_di_gelosia_l_omicida_di_cosenza_confessa-59658750/?ref=HRER1-1

IlGiornale
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/cosenza-uccisa-15-anni-accoltellata-e-poi-bruciata-fidanzato-920915.html

Il Sole 24 Ore
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-05-26/uccisa-coltellate-bruciata-sedici-141211.shtml?uuid=Abvk1KzH


Sono solo alcuni esempi non voglio annoiarvi.

Sto solo riflettendo sulle parole utilizzate in questi articoli.

"Fidanzatino", "fidanzato", "gelosia", "immaturità"...

Scrivere in modo soft, in modo politically correct, in modo light è obbligatorio, cari giornalisti?

Le parole che emergono con forza dai vostri articoli, come quelle che ho indicato io sopra, sono messaggi pericolosissimi...

Cari giornalisti... Non leggono i vostri articoli solo persone tranquille, persone serene, persone intellettuali e persone che amano pensare... i vostri articoli sono letti da tutti...

Cari giornalisti... Abbiate la forza e il coraggio di usare parole forti, pesanti e chiare per condannare l'azione di questo mostro, di questo schifoso, di questo assassino.

Cari giornalisti, essere giornalisti non è solo prendere le notizie dall'Ansa o dai vostri portali di ricerca e riportarle... essere giornalisti dovrebbe essere molto molto di più di semplice riportare la cronaca...
Certo on line l'immediatezza dell'informazione è un valore importante e primario, ma proprio on line i vostri articoli corrono veloci tra blog, facebook, twitter... vengono letti da milioni di persone e anche da giovanissimi...

Usate parole forti e di condanna per questo individuo e per queste storie simili.
Un giornalista vero non scrive solo le notizie, le sente proprie...

Scusate lo sfogo, sapete la vostra categoria mi sta a cuore...
Adoro i giornali e adoro gli articoli...

Però davvero queste storie andrebbero raccontate in modo diverso.

Troppo buonismo, troppo definire in modo "soft" questi episodi e gli autori di tali scempi è pericoloso... soprattutto on line... soprattutto sul web, che deve essere uno strumento per arricchire e rafforzare il ruolo dell'informazione... il ruolo dei giornalisti....
Senza frasi fatte, senza frasi buone, senza definizioni "educate"..

Persone come quel ragazzo non sono gelose, non sono fidanzati e non sono amanti.... sono ASSASSINI, MOSTRI, VIOLENTI e non sono SOCIALMENTE DEBOLI, TURBATI, INSICURI, GELOSI... sono DELINQUENTI...


Scusate lo sfogo...









3 commenti:

  1. Concordo. Dobbiamo avere il coraggio tutti di non edulcorare la realtà.

    RispondiElimina
  2. Affrontare l'azione x quello che e' atroce violenza. Tutto il resto sono commenti x fare notizia. Hai fatto bene a sfogarti.

    RispondiElimina
  3. Grazie ad entrambi per i commenti...

    RispondiElimina